Archivio mensile:Marzo 2019

Corsi

Imparare ancora. Corsi a tema

Questo è un magazzino davvero speciale. Per chi, ad ogni età e per qualunque motivo, abbia voglia di sperimentare cose nuove, facendole.
Un luogo per continuare ad imparare. Non tutto. Alcune cose.
Passiamo molto del nostro tempo a crescere in ciò che facciamo. Ma vorremmo poter imparare altro. O imparare a fare meglio le cose che diamo un po’ per scontate.
Al mattino o alla sera i MagazziniOz si aprono ad amici che vengono a parlare di ciò che sanno fare. Argomenti talvolta semplici, altre volte più elaborati. Più di un incontro, affinchè ciascuno possa portarsi a casa qualche cosa in più.

 

L’emporio: Oggetti, libri e libri urgenti

I MagazziniOz sono anche un negozio diffuso.
Girando per le stanze si vedono molte cose belle, e quelle cose, di solito, si possono anche comprare.
Sono manufatti di cooperative sociali, accessori per la cucina fatti apposta per i MagazziniOz, oggetti pensati apposta per quel luogo.
Tra le cose in vendita, poi, ce ne sono alcune che racchiudono una storia speciale: sono gli oggetti donati dagli amici e dai sostenitori dei MagazziniOz. Ognuno di loro ha scelto un suo oggetto e ha scritto alcune righe sui ricordi a cui è legato o la storia da cui proviene.
Inoltre… i libri. Leggere fa parte delle nostre giornate. Leggere, quindi, fa parte anche dei MagazziniOz. Ma non possiamo e non dobbiamo leggere di tutto. E neanche di tutto un po’.
C’è una Libreria, dentro i MagazziniOz, che vende solo alcuni libri, pochi: i Libri Urgenti (i LU).

Libri Urgenti

È un’idea di Luciana Littizzetto. Lei legge moltissimo, passa la vita (quasi) solo a leggere… Si pubblicano in Italia tantissimi libri, circa 150 al giorno. Troppi. Luciana ritiene, e noi con lei, che solo alcuni libri (pochi!) nascano da una esigenza vera da parte di chi li scrive, da una… urgenza. Se vogliamo provare a tradurre il concetto, possiamo dire che un libro e’ urgente quando dentro la testa dell’autore c’è una fretta, una spasmodica e irrefrenabile necessità di dire quella cosa li, e solo quella, in quel momento, assolutamente.
Un bisogno incontenibile. Che poi è quello che il lettore percepisce chiaramente: si, esiste un’urgenza anche del lettore, e’ il bisogno di quel libro, la sensazione che per lui sia necessario, vitale, leggere proprio quel libro. Che non potrebbe più vivere senza!
Insomma, non sono urgenze della casa editrice, del mercato. Sono urgenze dello scrittore prima, e del lettore poi.
Noi ai Magazzini vendiamo solo quei libri li: urgenti. Leggibili. Rileggibili. Regalabili. Utili, per esempio per quando hai la “vuotite” e niente ti riempie.
Come fare a identificarli?
C’è una specie di giuria, intorno a Luciana, diciamo un team di leggenti. I “leggenti”, tanto per dare un nome semplice alle cose. Una decina di persone, di quelle che leggono forte. Certo, si tratta del loro personale giudizio… Niente di oggettivo, okay. E’ così. Fatevene una ragione.

La Libreria dei Magazzini vende anche i Libri Urgenti Perenni (i LUP). Chiamateli come volete: imperdibili, sempreverdi, classici. David Grossman, in un’intervista da Fazio, li ha chiamati “gli inevitabili”. Sono i libri che vengono dal passato, recente e remoto, e ci parlano ancora, ci lasciano ancora un segno. I libri che non possiamo perderci noi, e che dobbiamo passare alle nuove generazioni…

Paola Mastrocola

 

Cose

Tutto il resto invece parte dal concetto che un magazzino non potesse non avere uno spazio per gli oggetti, le cose. Alcuni oggetti sono nuovi, altri regalati da altri, altri ancora che sono vivo ricordo di volti, viaggi, situazioni.
Il pensiero è che in questo luogo si possano trovare tante cose. Non casuali, ricercate per quel luogo perché anche tutte insieme, una accanto all’altra, possano acquistare senso.
Ai MagazziniOz potrai trovare:
• oggetti scelti per i MagazziniOz, pensati per quel luogo. Così le persone potranno acquistarli e portarli nella propria casa. Oggetti essenziali e di uso comune e quotidiano.
• oggetti appartenuti a qualcuno e che verranno donati. Altri potranno comprarli insieme al racconto della loro storia. La testimonianza di un viaggio di ricordi e storie che continua altrove.
• oggetti che giovani designer penseranno apposta per quel luogo. cose comuni per tutti. Per ciascuno di loro sarà un opportunità per mettersi alla prova ed esser conosciuti. Quindi pensieri e progettualità manuali che prendono forma.
• oggetti già molto conosciuti e noti che alcune aziende e designer di chiara fama decidono di portare ai MagazziniOz affinchè altre persone possano acquistarli.

Ci aiuterà a recuperare risorse. Abiteranno questi luoghi per due settimane poste qui e là nel corso dell’anno. un passaggio e via.
• un vestito, una sciarpa, una maglietta, cose che portiamo con noi e che anch’esse abitano le nostre case. Amici di CasaOz che mettono a disposizione dei MagazziniOz la loro creatività e penseranno ad un capo apposta per noi. un altro modo per portare in giro la nostra storia. Stavolta riletta ed interpretata da altri.