Asta per CasaOz – Raffaella Brusaglino

Mercoledì 6 Dicembre alle ore 18,30 ai MagazziniOz, in via Giolitti 19a  si terrà un'asta delle opere di Raffaella Brustolino. Seguirà un aperitivo a cura dei MagazziniOz.

Saranno battute 14 tele e 27 stampe giclèe ed il ricavato delle vendite eccedente la base d'asta, sarà devoluto a CasaOz. 

Le tele saranno esposte già da Giovedì 30 Novembre sia ai MagazziniOz (visibili nei seguenti orari: giovedì, venerdì sabato dalle 11 alle 23, martedì dalle 11 alle 19 e mercoledì dalle 11 alle 21,30), sia nella Galleria L'Estampe, in via dei Mercanti 3/g (visibili fino a sabato 3 dicembre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19,30; giovedi' 30 dalle 15,30 alle 19,30).

Scarica il catalogo delle tele

Scarica il catalogo delle stampe

 


Raffaella Brusaglino nasce a Torino, capitale del Barocco e del Liberty, e  cuore della corrente di arte contemporanea dell' Arte Povera. 

Influenzata da un ambiente così ricco di storia cultura e bellezza e mossa dalla passione per la pittura, R.Brusaglino intraprende un percorso artistico non convenzionale che spazia tra la realizzazione di affreschi, di sceneografie teatrali, il restauro e l'illustrazione. 

I suoi quadri contengono questa molteplicità di esperienze, con  cui costruisce il suo linguaggio personale: una sorta di  figurativo fantastico che si muove tra il surrealismo astratto e l'arte antica rinascimentale.

La stratificazione di materiali sulla tela ricorda gli strati di pigmento depositati sui  muri antichi. Il lavoro della Brusaglino nasce proprio da questa stratificazione: lei segue ed asseconda le linee e le curve che si sovrappongono e si incrociano creando spazi e profondità.  

Nelle sue tele troviamo delle campiture spesse, realizzate con polvere di marmo gesso e colla, luminosi ed evanescenti fondali fatti di carta e lamine di metallo. Da queste superfici emergono delle figure, messe in risalto da una pittura più dettagliata ad olio ed acrilico.

Sono  figure archetipiche colte in un gesto o con uno sguardo fortemente comunicativi, quella stessa valenza comunicativa che ha il gesto teatrale o l'iconografia delle immagini  sacre antiche.

La ieraticità e compostezza dei soggetti nasconde l'inquietudine dell'esistenza umana. Domande silenziose ma intense e penetranti, che le figure rivolgono attraverso lo sguardo a qualcuno o qualcosa che sta al di là di loro. Sagome che ricordano esseri marini, saggi ed antichi  animali atavici con cui a volte le figure si compenetrano e si fondono.

Spesso questi personaggi impugnano qualcosa, uno strumento musicale immaginario, magico, rituale, che consegna loro una connotazione spirituale e li trasfigura in novelli apostoli di qualche messaggio divino.

Sono parte di un racconto metafisico-fiabesco fatto di vaghe allusioni e gesti fortemente simbolici.

Raffaella Brusaglino espone i suoi lavori in Italia (tra le ultime presenze : Palazzo Lomellini a Carmagnola, Galleria Arte per Voi ad Avigliana, galleria Tinber Pragelato, Palazzo Conte Verde a Rivoli, Palazzo Foscolo a Oderzo) In Spagna (Galeria Patrick Domken a Cadaques), in Francia (galleria Le Camaleon, Antibes), in Svizzera ( galleria Art Emotion a Losanna)